Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buona notte, oggi è sabato 24 giugno 2017

Il sesso durante la gravidanza

pubblicità

pubblicità

Il sesso durante la gravidanza

In tema di sessualità forse uno degli ultimi tabù sopravvissuti nella nostra società riguarda il "sesso in gravidanza", probabilmente a causa di un non definitivo superamento della contrapposizione tra "sessualità" e "maternità".

Le informazioni medico-scientifiche
Non esistono infatti  molte ricerche in campo medico e scientifico su tale argomento, al punto tale che ci si deve orientare soggettivamente come individui tra il comune miscuglio di sapere popolare, qualche raro consiglio medico e la propria personale esperienza.

In linea di massima non esisterebbero controindicazioni ufficiali ad avere rapporti sessuali durante la gravidanza, se non in quei casi specifici in cui vi è stata una precedente minaccia di aborto o un aborto spontaneo, dove è allora cautelativa la loro sospensione almeno nel primo trimestre. Di solito, inoltre, viene suggerita un'attenzione particolare dopo il 7° mese e mezzo, poiché le stimolazioni portate sul collo dell'utero possono sollecitare le contrazioni del medesimo, con pericolo di distacco della placenta e, in epoca più avanzata, di rottura prematura delle membrane. E' consigliato, ad ogni modo, astenersi dall'avere rapporti sessuali nelle ultime sei settimane di gravidanza.

Il desiderio sessuale nella donna incinta
Il fatto che la vita sessuale della donna incinta non sia stata resa oggetto di indagini cliniche approfondite risente a tutt'oggi di una sorta di ambivalenza e di contrapposizione tra l'idealizzazione della "donna-madre" e l'accettazione del suo essere "sessuata".

Anche qui sommariamente, si possono riportare dati diversi di ricerche cliniche inerenti la sfera del  desiderio della donna durante i nove mesi della gestazione. Sembrerebbe esservi una diminuzione del desiderio sessuale nel primo trimestre di gravidanza, un aumento nel secondo trimestre e una diminuzione di attività sessuale nell'ultimo trimestre.
Quest'ultimo evento risulterebbe determinato principalmente dalle difficoltà di ordine fisico della gestante (grossezza addominale, stanchezza).

L'accettazione o il rifiuto del desiderio sessuale saranno comunque condizionati soggettivamente a seconda che la donna abbia serenamente accettato la gravidanza o che sia al contrario vittima dei propri timori consci ed inconsci nei confronti del futuro figlio, condizionati da fattori educativi, religiosi, culturali.

Risulta quindi d'obbligo suggerire che ogni donna si regoli sulla base dei propri desideri, tenendo conto che ogni esperienza positiva influenzerà il suo benessere psicofisico e di conseguenza quello del feto.

La sessualità e la coppia "in attesa".
Le difficoltà nella prosecuzione di una vita sessuale attiva durante la gravidanza possono non essere dovute unicamente all'atteggiamento della donna: spesso i suoi  timori sono infatti condivisi anche dal partner. Il "non-detto" della comunicazione erotica può così trasformarsi nel lungo periodo in una difficile comunicatività a livello globale nella relazione di coppia. Se prevale l'inibizione nei confronti di rapporti sessuali completi, va comunque sottolineata l'importanza e la possibilità per la coppia di dedicarsi a nuove esperienze di intimità che si concretizzano anche in manifestazioni corporee, preludio a una buona ripresa della sessualità completa dopo il parto e alla creazione di un clima di armonia nella coppia che influirà anche sul rapporto con il nascituro.

Le posizioni più adatte.
Un modo per superare le difficoltà nei rapporti sessuali, dovute non a questioni psicologiche, bensì alla variata conformazione fisica della donna, consiste poi nell'adottare quelle posizioni che possono risultare più comode. Eccone alcune suggerite qui di seguito.

  • La donna  si sdraia di fianco e fa sdraiare il partner dietro di sè, anche lui di fianco;

  • Il partner si siede su una sedia e la donna si siede sopra di lui girandogli le spalle;

  • La donna si sdraia a pancia in su sul bordo del letto con le ginocchia piegate e i piedi sul bordo del materasso; il partner potrà mettersi in ginocchio o in piedi di fronte a lei.

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 15/09/2013

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati