Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buona notte, oggi è sabato 24 giugno 2017

E se l'amassi ancora?

pubblicità

pubblicità

E se l'amassi ancora?

Come si fa a capire se davvero non si ama più.

PER LEI

I primi dubbi
I primi dubbi che minano la certezza dell’ amore per l’altro nascono in genere quando il periodo d’innamoramento è finito da un po’: quando emergono le prime difficoltà possono nascere in noi sentimenti di perplessità e disillusione che spesso sfociano in litigi e scontri, generando incertezza. Ci si chiede dunque se l’amore sia finito, e se di conseguenza la nostra storia sia in via di esaurimento. Il più delle volte a questo interrogativo si accompagna l’ansia per l’incertezza sull’amore dell’altro nei nostri confronti: ci si sente insicuri e confusi. Riuscire a darsi delle risposte non è facile soprattutto se si sta vivendo una delle prime relazioni importanti. Non essendoci “rimedi” universali, tentare di scrutare i propri sentimenti rimane lo strumento migliore per fare un po’ di chiarezza, e non  prendere decisioni sull’onda di uno stato emotivo. Essere in grado di tollerare il passaggio alla de-idealizzazione (quando la persona amata ci appare in tutta la sua interezza e non solo negli aspetti che ci hanno fatto innamorare…) è essenziale per superare il momento di crisi e per confrontarci con l’altro in modo più completo. Quando una storia d’amore sta attraversando un periodo critico è importante cercare di capire se si corre il rischio di “trascinarsi” nell’insoddisfazione (magari per evitare il dolore di una separazione) o se al contrario si “sente” che il rapporto è in evoluzione, anche se i cambiamenti creano inevitabilmente qualche squilibrio. Nel primo caso, ovviamente, sarebbe meglio affrontare la sofferenza di una “perdita” piuttosto che continuare a vivere un rapporto frustante, ma ATTENZIONE:  nessuna relazione è perfetta e nessuna persona può appagare totalmente i nostri desideri e i nostri bisogni.

  1. Se come sentimento di fondo vi sembra di provare ancora interesse, spinta e desiderio nei confronti di chi vi sta vicino (seppur con toni più sfumati rispetto alla “pre-crisi”) è il caso di restare in gioco e continuare a vivere quell’amore. In altri termini: se non fate troppa fatica ad accettare che l’altro non è solo la stupenda creatura di cui vi siete innamorati e tollerate qualche aspettativa delusa, allora  vale la pena continuare a mettere energie in quella relazione d’amore

  2. Se solo l’idea di un distacco definitivo dalla persona amata vi genera un dolore lacerante, un po’ come se perdeste una parte di voi, allora probabilmente siete ancora innamorati malgrado i primi intoppi: datevi tempo per poter capire meglio, aspettate un po’ per vedere come vanno le cose

  3. Se prevale un senso di stanchezza, noia, insofferenza e continua incertezza …beh, forse è il caso di iniziare a prendere in considerazione una separazione

Prima di gettare tutto alle ortiche...
In ogni caso: Le cose si fanno in due: in una relazione di coppia bisogna sforzarsi di tenerlo ben presente. Parlate e confrontatevi con l’altra parte in causa, ascoltare cosa prova e cosa pensa: vi aiuterà a capire cosa provate per lui. Promuovere un confronto può rivitalizzare un rapporto e far vedere le cose in modo diverso … almeno un po’. Il vostro “sentire dubbioso” è un’ottima occasione per esplorarvi “dentro” , confrontarvi con l’altro e affrontare insieme i primi momenti difficili. In genere più romantiche, le ragazze tendono a buttarsi anima e corpo in una relazione… A volte soffrite quando l’altro sembra star bene anche senza di voi, o quando vi sembra che non abbia serie intenzioni per il futuro. Saper rispettare le esigenze del proprio ragazzo, senza per questo sentirsi troppo male, è un buon segno per la salute del rapporto di coppia. A volte bisogna sapere aspettare, accontentarsi e cercare di amare in modo non troppo “egoistico”, cioè rispettando spazi ed esigenze del proprio ragazzo. Sarà così più probabile che il rapporto si consolidi. Parlare con persone amiche e ascoltare il loro parere è un’opportunità da cogliere sia per “sfogarsi”, sia per aiutarsi a capire.

Ognuno di voi è diverso e ogni storia (personale, di coppia, di amicizia,  ecc…) è … “una storia a sé”. Certo non abbiamo la pretesa (né ci auguriamo ci sia l’aspettativa) di risolvervi l’enigma del “sarò ancora innamorata?”. Molti di voi staranno magari vivendo storie che è difficile generalizzare, ma ci auguriamo comunque che ci abbiate letto con piacere, e che qualcuno di voi ci abbia trovato qualcosina d’interessante a cui non aveva pensato. In bocca al lupo!

PER LUI

I primi dubbi
I primi dubbi che minano la certezza dell’ amore per l’altra nascono in genere quando il periodo d’innamoramento è finito da un po’: quando emergono le prime difficoltà possono nascere in noi sentimenti di perplessità e disillusione che spesso sfociano in litigi e scontri, generando incertezza. Ci si chiede dunque se l’amore sia finito, e se di conseguenza la nostra storia sia in via di esaurimento. Il più delle volte a questo interrogativo si accompagna l’ansia per l’incertezza sull’amore dell’altra nei nostri confronti: ci si sente insicuri e confusi. Riuscire a darsi delle risposte non è facile soprattutto se si sta vivendo una delle prime relazioni importanti. Non essendoci “rimedi” universali, tentare di scrutare i propri sentimenti rimane lo strumento migliore per fare un po’ di chiarezza, e non prendere decisioni sull’onda di uno stato emotivo. Essere in grado di tollerare il passaggio alla de-idealizzazione (quando la persona amata ci appare in tutta la sua interezza e non solo negli aspetti che ci hanno fatto innamorare…) è essenziale per superare il momento di crisi e per confrontarci con l’altra in modo più completo. Quando una storia d’amore sta attraversando un periodo critico è importante cercare di capire se si corre il rischio di “trascinarsi” nell’insoddisfazione (magari per evitare il dolore di una separazione) o se al contrario si “sente” che il rapporto è in evoluzione, anche se i cambiamenti creano inevitabilmente qualche squilibrio. Nel primo caso, ovviamente, sarebbe meglio affrontare la sofferenza di una “perdita” piuttosto che continuare a vivere un rapporto frustante, ma ATTENZIONE:  nessuna relazione è perfetta e nessuna persona può appagare totalmente i nostri desideri e i nostri bisogni.

  1. Se come sentimento di fondo vi sembra di provare ancora interesse, spinta e desiderio nei confronti di chi vi sta vicino (seppur con toni più sfumati rispetto alla “pre-crisi”) è il caso di restare in gioco e continuare a vivere quell’amore. In altri termini: se non fate troppa fatica ad accettare che l’altra non è solo la stupenda creatura di cui vi siete innamorati e tollerate qualche aspettativa delusa, allora vale la pena continuare a mettere energie in quella relazione d’amore

  2. Se solo l’idea di un distacco definitivo dalla persona amata vi genera un dolore lacerante, un po’ come se perdeste una parte di voi, allora probabilmente siete ancora innamorati malgrado i primi intoppi: datevi tempo per poter capire meglio, aspettate un po’ per vedere come vanno le cose

  3. Se prevale un senso di stanchezza, noia, insofferenza e continua incertezza …beh, forse è il caso di iniziare a prendere in considerazione una separazione…

Prima di gettare tutto alle ortiche...
Le cose si fanno in due: in una relazione di coppia bisogna sforzarsi di tenerlo ben presente. Parlate e confrontatevi con l’altra parte in causa, ascoltare cosa prova e cosa pensa: vi aiuterà a capire cosa provate per lei. Promuovere un confronto può rivitalizzare un rapporto e far vedere le cose in modo diverso … almeno un po’. Il vostro “sentire dubbioso” è un’ottima occasione per esplorarvi “dentro” , confrontarvi con l’altro e affrontare insieme i primi momenti difficili.

In genere i ragazzi, quando sono da un po’ di tempo in coppia, tendono a percepire come un senso di vago soffocamento, si sentono un po’ oppressi e pressati … A volte trovate complicato e un po’ difficile conciliare i sentimenti d’amore per la vostra ragazza con altre spinte apparentemente incompatibili o stridenti con la relazione di coppia, correte il rischio di sentirvi colpevolizzati o inadeguati, di trovare un po’ ingombrante la vostra compagna o troppo impegnativo il ruolo di fidanzato. Provate a sforzarvi di parlarle, far finta di nulla serve a ben poco, forse anche lei non è proprio a suo agio con voi …. Parlare dei propri sentimenti può essere utile per chiarirsi le idee e magari per cambiare un po’ lo stato delle cose. Farsi carico almeno di conoscere meglio esigenze e desideri di lei non è poi un’impresa tanto improbabile. Provarci non nuoce e ascoltarla vi aiuterà a capire meglio cosa provate per lei.

Ognuno di voi è diverso e ogni storia (personale, di coppia, di amicizia,  ecc…) è … “una storia a sé”. Certo non abbiamo la pretesa (né ci auguriamo ci sia l’aspettativa) di risolvervi l’enigma del “sarò ancora innamorata?”. Molti di voi staranno magari vivendo storie che è difficile generalizzare, ma ci auguriamo comunque che ci abbiate letto con piacere, e che qualcuno di voi ci abbia trovato qualcosina d’interessante a cui non aveva pensato. In bocca al lupo!

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 15/09/2013

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati