Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buona notte, oggi è sabato 24 giugno 2017

La vita non è un tango

pubblicità

pubblicità

La vita non è un tango

Se le cose non vanno troppo bene, tra uomini e donne, è anche perché gli uomini non sanno più chiaramente che cosa vuol dire ‘essere un uomo’. Ma a conti fatti, che cosa vuol dire ‘esserlo’?

Tra i ‘vincenti’ di Manara, gli uomini che hanno saputo re-inventarsi, non manca il caso di Lorenzo: figlio di “un papà che era sì autoritario, ma anche privo di qualunque capacità decisionale vera e un cattivo maestro di vita”, voleva “fare il maschio”. Sull’orlo del collasso familiare, Lorenzo impara con Fausto Manara “quello che nella sua storia non aveva avuto la possibilità di apprendere, o aveva fatto proprio in modo distorto e pericoloso”. E una volta acquisito finalmente il significato profondo dell’essere uomo, Lorenzo non si ferma più, e anzi “si stava attrezzando per essere anche un modello utile per Matteo, il figlio che avrebbe potuto beneficiare di qualche opportunità in più per realizzare un’identificazione sufficientemente sana, utile alla sua crescita e al suo futuro”.

‘Essere uomini’, avverte Manara, non significa “utilizzare finzioni come strategie per apparire come chi possiede (poco o tanto) i beni più preziosi ai nostri tempi: potere e ricchezza”. Anzi, in mezzo a modelli che crollano e a nuove infelicità tutte da decifrare, “il maschio ha bisogno di conquistare una nuova visibilità. Quella che fino a qualche decennio fa, aveva gratuitamente in dote venendo al mondo è sempre meno disponibile”.

Quando cambiano le regole del gioco
Inutile negarlo, la situazione è cambiata. E in una fase di transizione tra un modello incrostato da secoli di storia e la reinvenzione dei rapporti è quasi impossibile non cadere in qualche eccesso, nei tentativi troppo rigidi di salvare tradizioni consunte o, per alcuni, nella tentazione di sottrarsi a un gioco che non capiscono più.

Tra uomini nostalgici e donne castranti
Fausto Manara ci racconta di successi e fallimenti di uomini e donne confrontati a rapporti che richiedono nuovi strumenti e nuove limature: sacrificare da una parte il sogno di una donna materna e sottomessa, e dall’altra la competizione a tutto tondo, quella che serve non a imporsi, ma a schiacciare l’altro. Insomma, come in una danza in cui due corpi e due menti possono esprimere tutta la loro vitalità e creatività, tutto il loro desiderio e la passione, la relazione tra uomini e donne è fatta oggi di una riscrittura dei ruoli e di una riappropriazione degli istinti che prevede per entrambi qualche piccolo accomodamento: per lei, cedere spazio per venire valorizzata, e per lui saper guidare il ballo con sicurezza. Dopo che entrambi avranno lasciato dietro le spalle i miti di femminilità e virilità impossibili.

Per arrivare finalmente alla salida, scrive Manara, bisogna credere che sia possibile, perché c’è sempre un’altra musica, se la si vuole ascoltare, che scandisce i giorni, i mesi, gli anni, i tempi della vita e ne rilancia il senso”. E aggiunge: “anche nella vita queste possibilità esistono. E’ necessario però che uomo e donna inizino il progetto da una nuova salida, tenendo conto non solo della tecnica, ma della loro rispettiva capacità di interpretazione. Se entrambi sapranno essere al servizio del piacere, personale e reciproco, chissà che anche la vita, qualche volta, possa avere il sapore di un tango”.

Fausto Manara, La vita non è un tango - Nuove principesse e maschi cenerentoli, Sperling & Kupfer - 2001
pp. 213, L. 28.000 (€ 14,46)

No, purtroppo la vita non è un tango. Non ha molto in comune con quel ballo sensuale e avvolgente in cui il canovaccio è noto e i ruoli ben definiti: il maschio guida e prende l’iniziativa e la donna deve essere un’eccellente seguidora, che asseconda al meglio le improvvisazioni del partner. Solo così, accogliendo l’uomo, potrà esprimere in piena libertà se stessa e diventare, a sua volta, una protagonista. Oggi la donna è cambiata, e queste “nuove principesse” che dirigono e scelgono, che assumono ruoli in origine rigidamente maschili, hanno messo gli uomini nell’angolo, trasformandoli in sgomenti e confusi “cenerentoli”, rasegnati a compiacerle. Uomini che sono stati più testimoni che protagonisti del processo di cambiamento dei ruoli. E che, nella società liberata, hanno perduto il conforto dei modelli della tradizione e sono scivolati in un’ambiguità incresciosa. In questa nuova babele dei linguaggi, vengono così confusi “potere” e “potenza”, “autoritarismo” con “autorità”, “comando” con “carisma”, trasformando la vita in una battaglia estenuante: rancori sordi covano dentro alla coppia ed esplodono all’improvviso in laceranti conflitti in cui si smarriscono i sentimenti. Con il suo nuovo libro Fausto Manara lancia un’intrigante provocazione: occorre ritrovare il coraggio di ripensare i ruoli perché il ballo della coppia ritorni a essere fonte di piacere. Ma come riuscire a districare i fili ingarbugliati di una situazione così fluida e i in divenire, dove le contraddizioni e le ambiguità sembrano smentire, a ogni passo, teorizzazioni semplicistiche e un po' meccaniche? Ma cosa suggerire agli uomini che non hanno avuto un modello fruiibile dai loro padri e alle donne che hanno giurato di non assomigliare, neppur da lontano, alle loro mamme? Prendendo come fil rouge le figure della danza, La vita non è un tango ci guida dentro i nodi della comunicazione confusa, delle aspettative frustrate, degli istinti soffocati, delineando, anche se provvisoriamente, nuove strategie e dimensioni prospettiche. Se i maschi, per esempio, imparassero a uscire dall’istinto di fuga e a coltivare quello di libertà, soprattutto emotiva? Forse, oggi, la nuova audacia è proprio questa: rimanere saldi nel punto in cui si è arrivati, magari più femminilizzati, più fragili ma fieri, ancora, di essere protagonisti. Finalmente un libro che parla dalla parte di lui (che cosa vuole veramente il maschio?) e dalla parte di lei (i suoi desideri e le sue ambivalenze). Un ponte teso tra due amici/nemici, ma possibili amanti, che avranno senz’altro uno stimolo in più per imparare a parlarsi, a capirsi e, perché no, a ballare, un’emozionante e sensualissima cumparsita.

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 15/09/2013

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati