Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buona notte, oggi è domenica 28 maggio 2017

Non chiederti se sei felice

 

pubblicità

Non chiederti se sei felice

Viviamo in un contesto socioculturale e familiare improntato al volere: vogliamo continuamente qualcosa, da noi stessi, dagli altri, dal mondo.

E’ come una bolla di sapone: il desiderio genera a sua volta desiderio e la cosa non ha mai fine. E, peggio, trasmettiamo tale modello educativo e di vita di generazione in generazione.

E diamo origine a persone cronicamente in fuga, insoddisfatte, alla ricerca costante di qualcosa, qualcosa di nuovo, di eccitante, che non arriva mai o che quando giunge lascia l’amaro in bocca perché non è all’altezza delle aspettative e degli sforzi, o se lo è, come tutte le cose periture di questo mondo è destinato, prima o poi, a sparire.

Comunque si rigiri la faccenda, non se ne esce con la stessa logica con cui se ne è entrati e che incessantemente la alimenta.

Ricordo di essermi confrontata molto precocemente con questo tipo di mentalità.

Quanto iniziai per la prima volta a frequentare una nota scuola privata della città in cui vivevo, osservavo schiere di persone di tutte le età, genitori, figli, insegnanti, e persino alti prelati, che erano presi da questo vortice dei soldi, degli oggetti, degli abiti, delle feste, delle cene e dei locali di tendenza.

Tutto del loro modo d’essere, di porsi, di agire denunciava una tensione di fondo, un dover apparire, comportarsi, uno sforzo ad essere il meglio, all’avanguardia, alla moda, che li portava a disconoscere e spesso anche distorcere la loro vera natura.

Spesso l’apparenza distava anni luce dalla loro reale essenza. Nonostante i formidabili sforzi, con uno sguardo attento poteva notare piccoli e grandi segnali, specie nelle persone più sensibili, di un disagio di fondo che l’indossare maschere, recitare ruoli e azioni poteva comportare in loro.

Ricordo che già anni prima, alle scuole elementari, complici alcune amichette che avevano di tutto e di più ad ogni schiocco di dita, per uniformarmi, anche le mie richieste erano leggermente aumentate.

Oggi posso affermare con sicurezza che i miei genitori sono stati molto abili nel calibrare severità e concessione, possibilità e sacrificio, rispetto dei limiti e piccole trasgressioni, reale necessità e superfluo.

Anche se un figlio, sul momento, può restare male di fronte ad un no, ad una frustrazione, saper porre un limite, paradossalmente, crea uno spazio di libertà interiore molto vasto, che quando il disappunto passa si riesce ad avvertire.

In questo senso ero ben allenata per vivere anche in un contesto molto ricercato, elegante, pieno di esteriorità e di forma in cui mi sono trovata in seguito.

Il primo anno ricordo che è stato molto duro ed io stessa mi sono fatta travolgere da questa bolla di apparenza, di dovere e volere, essere, fare, avere. Era una sorta di necessità di stare al passo, di conformarmi all’ambiente, di sentirmi parte del gruppo, come per lo più accade ad un preadolescente.

Nel giro di un anno mi sono resa conto della maschera che mi stavo costruendo, della parte che stavo recitando, dei desideri e degli obiettivi non miei e dell’assurdità della situazione che io stessa avevo creato.

Da quel momento in poi è iniziato un processo progressivo di distacco dall’uniformazione sociale e familiare, che si è manifestato nel tempo con segni più o meno tangibili, e che hanno permesso una conoscenza, un contatto, un rispetto, uno svelamento, una condivisione sempre più ampia della mia natura più autentica e profonda.

Da una parte è come se fosse stato un processo che mi ha portata avanti, mentre dall’altra mi ha ricondotto indietro nel tempo.

Ogni bambino nasce scevro dai condizionamenti e dalle aspettative socioculturali e familiari. Con gli anni viene sempre più limitato e condizionato da tutto ciò, la sua reale essenza viene tarpata, e si creano così le condizioni per una profonda infelicità, di cui spesso non si ravvisa la causa.

Ricordo quel delicato periodo, ad otto anni, quando conobbi il contatto con l’esperienza del dolore sul mio corpo.

La reale e più lancinante sofferenza, però, era costituita dai giudizi, le critiche, l’impazienza, l’insofferenza, talvolta anche lo scherno da parte degli altri. Dal lunedì al sabato questa era l’impronta di tutte le giornate.

La domenica sera, prima di dormire, mi scioglievo immancabilmente in un pianto, nell’oscurità della stanza, contro il cuscino.

Piangevo perché ripercorrevo la giornata appena trascorsa e mi accorgevo di essere stata felice!

Per lo più le domeniche erano giornate semplicissime, con i miei genitori, con alcuni piccoli appuntamenti fissi, la messa, l’aperitivo a casa e il dolcetto dopo pranzo, la passeggiata, oppure la visita alla nonna materna. Niente di che, a ben vedere.

Ai tempi credevo che il pianto fosse dovuto al dispiacere di dover lasciare i miei genitori, che durante la settimana erano assenti per lavoro dalle dodici alle quattordici ore al dì, e al tempo stesso al dolore di dover tornare a stare con persone con cui, in quel periodo, non stavo bene.

La cosa più buffa e che al tempo stesso mi addolorava di più è che mentre vivevo quelle domeniche non è che avessi uno stato d’animo particolarmente euforico o altro che sottolineasse tale felicità.

Insomma … ero stata felice e non me ne ero accorta!

Per me, allora, era inconcepibile.

Avrei voluto poter tornare indietro, come per riavvolgere la pellicola di un film e, forse, segretamente trattenere e ri-vivere più e più volte, all’infinito, tali scene.

Eppure, ogni volta in cui tentavo di fare ciò, la situazione mi sfuggiva di mano e diventavo profondamente infelice.

Oggi, a posteriori, riesco a vedere con lucidità e chiarezza quel che accadeva.

E’ un dato di fatto: quando noi siamo felici, o meglio ancora, sereni, non ne siamo consapevoli.

Felicità o serenità sono etichette verbali a posteriori che la mente sdogana.

La mente impone una definizione, traccia un limite, un confine, il che non è conciliabile con l’espressione della nostra natura più profonda, che è sconfinata.

La vera felicità o serenità si esplica proprio in quei momenti in cui ci diamo la possibilità di essere fino in fondo noi stessi, fedeli e rispettosi del sentire di coscienza, indipendentemente dal dire, fare, pensare e non.

Tutti noi, più o meno consapevolmente, abbiamo piccoli sprazzi di tali esperienze nella nostra vita.

Togliere il più possibile vincoli, limiti, schemi di cui ci siamo circondati ci riporta, da un lato, all’essenza più pura e autentica che da piccoli contattavamo con più immediatezza e facilità, dall’altro ci permette di farlo, da adulti, con l’aiuto di un carico di esperienza che ci consente di farne buon uso, a servizio dell’altro e del mondo e non in senso strettamente egoistico, come può accadere per i bimbi.

A questo "serve" vivere.

E chiedersi se si è felici è un dubbio egoistico, frustrante, inutile. Quando lo si è, lo si è e basta. Non serve sottolinearlo.

Anna Fata, Il ben-essere in azienda Elementi di teoria e di pratica per una migliore qualità della vita professionale, Nuova IPSA editore, 2008

Riportare l’individuo al centro, coltivare mente, corpo e spirito per dare vita ad un ‘organismo azienda’ sano, equilibrato, armonico e produttivo. Questo è l’imperativo del nuovo millennio per il manager illuminato. Non esiste una soluzione di continuità tra vita intima, privata e quella pubblica, socio professionale: esiste un continuum che è dato dall’essere, rispetto al quale si esplica il fare. Fare creativo, innovativo, produttivo: le prestazioni di eccellenza scaturiscono da persone che si sentono riconosciute come tali e che vengono messe nelle condizioni migliori per poter esprimere se stesse e i propri talenti. Coltivare il ben-essere in un contesto aziendale significa creare l’ambiente umano ideale per la crescita delle persone e dell’azienda stessa: non è possibile scindere ciò che in natura è unito. Ogni organismo azienda è composto da cellule, le persone, che grazie alla loro presenza e alla sinergia congiunta danno vita ad un quid che è qualcosa che è maggiore della somma delle sue parti, e i cui prodotti che originano sono la diretta espressione della loro armonia. Nella loro complessità di rapporti, individui, aziende, operati sani vanno di pari passo, grazie ad un circolo virtuoso che si può creare tra loro.

Gli altri libri di Anna Fata
LO ZEN E L'ARTE DI CUCINARE

pubblicità

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 15/09/2013

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati