Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buon pomeriggio, oggi è lunedì 26 giugno 2017

Sesso estremo

sesso in pillole
 




Sesso estremo

Pionieri dell'estremo: in America li hanno ribattezzati sensation seekers, persone alla perenne ricerca di sensazioni forti, esaltanti, che aumentano l'adrenalina. E, secondo la tesi curiosa della scrittrice Sallie Tisdale, quello che li spinge è lo stesso motore che anima gli adepti del sadomasochismo: «A volte, dicono che ciò che li muove è lo stesso stimolo che trascina a una qualunque impresa ad alto rischio. Paragonano le sferzate, per esempio, al freeclimbing, al bungee jumping o al volo sul deltaplano, proprio per il superamento della paura di ciò che si può o non si può fare o sopportare».

Nel suo libro, che è quasi un giro nel luna park di tutte le possibili varianti dell'eccitazione erotica, la Tisdale difende la libertà dell'eccesso e del desiderio. E accompagna il lettore in un viaggio tra i desideri più estremi: dal frottage (strofinare il proprio corpo contro qualcosa per ricavarne piacere sessuale) all'acrotomofilia (privarsi dell'ossigeno durante l'atto sessuale per aumentare la potenza dell'orgasmo); dall'attrazione per sculacciate, frustate, schiaffi, all'ifefilia (la passione per i peli, i velli, le cose pelose), fino all'implorazione: «Ti prego, cara, dimmi le parolacce…».

Il mondo delle perversioni, però, è molto più ampio e comprende alcuni desideri veramente anomali, come quelli descritti da Richard von Krafft-Ebing e Havelock Ellis all'inizio del secolo, e «aggiornati» in due libri dal titolo eloquente, Sesso estremo. Pratiche senza limiti nell'epoca cyber e Sesso estremo II (Castelvecchi editore). Da queste pagine emerge un mondo di erotismo eccessivo e sotterraneo, in cui ci sono amanti di qualsiasi tipo di perversione, al limite delle possibilità immaginative umane. C'è per esempio il felching, l'atto di inserire piccoli animali vivi, tipo ranocchie o pesciolini, nell'ano o nella vagina, in modo da ricevere dai loro movimenti piacere sessuale. Un'altra pratica è quella dello stuffing, l'uso, durante il rapporto sessuale, di oggetti, sia comprati al porno-shop (come i vibratori) sia di uso quotidiano, in genere provenienti dalla cucina (cetrioli, fragole, carote, banane), ma a volte anche dall'armadietto del bricolage (cacciaviti e chiavi inglesi).

Un altro tipo di perversione è il piercing localizzato, la pratica di appendere anellini ai capezzoli, allo scroto, alle grandi labbra della vagina, perché l'afflusso di sangue che si determina durante l'eccitazione sessuale permetta di «sentire» in maniera più forte la parte interessata. Ci sono poi persone che raggiungono il piacere solo se dotate di numerosi accessori in pelle, fra cui frustini e stivaloni. C'è invece chi si traveste da neonato, cuffietta in testa e biberon in mano. Esistono, poi, gli shit-lovers, o coprofili, amanti delle feci; e quelli che agiscono, per accentuare l'orgasmo, sull'immissione di ossigeno, utilizzando cappi, buste di plastica o le mani (tecniche che a volte portano direttamente dal piacere alla morte per asfissia).

E' chiaro che potremmo proseguire in questa lunga lista, perché sono tantissime le persone che sperimentano pratiche sessuali sempre più estreme. E non si tratta solo di perversioni praticate in assoluta segretezza. Pensiamo al successo che ha avuto un film come Crash, in cui la coppia dei protagonisti raggiunge il piacere durante gli incidenti stradali, che quindi ricerca e provoca deliberatamente. Ogni sorta di «variante» nel campo della sessualità può essere etichettata come «libertà» o come «vizio» pericoloso.

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 15/09/2013

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati