Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buon giorno, oggi è mercoledì 24 maggio 2017

Paura di abbandonarsi

sesso in pillole
 




Paura di abbandonarsi

Serena, 24 anni, viene a chiedere aiuto per un problema di anorgasmia relazionale. Non può e non ha mai potuto avere con nessun uomo un piacere condiviso. Da sola, al contrario, raggiunge l'orgasmo clitorideo senza difficoltà. Fa anche fatica a dormire nello stesso letto con un uomo, anche se ha un legame stabile da 7 anni. Il suo compagno, che era alla prima esperienza sentimentale, non ha problemi di sesso, ma con lui Serena ha paura di raggiungere una più grande intimità condivisa.

Questo è legato alle difficoltà personali di Serena, che risalgono alla sua storia familiare. Suo padre beveva e aveva un comportamento instabile, anche se non violento, non sessualmente abusivo. Le ha però fatto mancare la fiducia di base, la basic trust degli anglosassoni. Serena ha avuto dei comportamenti sessuali precoci già a 14 anni, e sempre sganciati dall'affettività.

Nei colloqui psicologici noto che lei cerca di mantenere un assoluto controllo sulle emozioni e sul corpo, mentre il "lasciarsi andare" è vissuto come un pericolo mortale. E infatti, nel rapporto sessuale, Serena si irrigidisce: pensa che se l'uomo le dà il piacere, finirà per avere troppo potere e dominio su di lei. Rischierebbe così di idealizzarlo e di viverlo come un dio (cosa che non può sopportare). Appare quindi in filigrana un nucleo paranoico, per cui invece di essere contenta, di lasciarsi andare quando fa l'amore e di delegare fiducia a chi le dà piacere, Serena interpreta in maniera diffidente l'orgasmo, che porta con sè il pericolo di una dipendenza mortale. Serena mi ricorda un fenomeno conosciuto in etologia e legato alla difficoltà degli animali ad addormentarsi. Mentre i predatori possono dormire numerose ore, e in tutta tranquillità, le prede virtuali, come ad esempio i caprioli, prendono sonno solo per periodi molto brevi, alternandoli con periodi di vigilanza. Sembra addirittura che alcuni animali, come il delfino, abbiano trovato una soluzione precisa : disinnescare uno dei due emisferi cerebrali, per cui uno dorme mentre l'altro rimane vigile. Serena sembra rivivere nella sua diffidenza di base un'inquietudine fondamentale e di origine arcaica. Senza una psicoterapia nell'ambito di un rapporto di fiducia, Serena non uscirà da questo suo blocco che è solo apparentemente un problema sessuale.

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 15/09/2013

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati