Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buona notte, oggi è sabato 24 giugno 2017

La dipendenza sessuale

sesso in pillole
 




La dipendenza sessuale

Con il termine dipendenza sessuale o “sexual addiction” si intende un insieme di comportamenti che comprende un'eccessiva preoccupazione del sesso, persistenti pensieri sessuali intrusivi e distraenti che spingono la persona a intraprendere attività sessuali ripetitive e compulsive anche “contro la loro stessa volontà”. Circa 20 anni fa un alcolista recuperatosi attraverso AA si accorse di avere una forma di dipendenza dal sesso simile a quella dall’alcool. Coniò egli stesso il termine sex and love addiction che comprendeva caratteristiche come:

  • masturbazione compulsiva

  • sessualità priva di coinvolgimento emotivo

  • ripetuti rapporti extramatrimoniali

La sexual addiction, comunque, non è un concetto nuovo come patologia ma solo come classificazione. Essa e’ conosciuta, infatti, da un secolo e mezzo circa. In modo particolare Kraft-Ebing nel 1886 pubblicò il manuale di Psicopatia Sexualis ancora oggi studiato perché conteneva studi approfonditi relativamente alla sfera organica dei disturbi. Egli definiva tale disturbo, oggi chiamato sexual addciction, come iperestesia sessuale. Lo stesso Freud, nel 1897, avanzò l’ipotesi che la masturbazione rappresentasse la “dipendenza” primaria e che tutte le altre dipendenze derivavano da questa cambiando solo l’oggetto. Dalla seconda metà del diciannovesimo secolo si è sviluppato un grosso dibattito sulla sua nomenclatura (parafilia, dongiovannismo, ninfomania ecc.). La nosografia presente nel DSM I e II differenziava fra uomini e donne: il dongiovannismo riguardava gli uomini e la ninfomania, le donne.

Fino agli inizi degli anni 80 si ritrova il termine ninfomania, nonostante non abbia alcun fondamento scientifico, solo per motivi sociali e culturali. Termini quali ipersessualità, infatti, sono stati improponibili fino alla rivoluzione del 68, anni in cui l’interesse era rivolto quasi esclusivamente alle deficienze sessuali.
Inoltre, dopo il movimento sessantottino, c’è stata una fase di ritorno di alcuni valori antichi legati alla famiglia e a codici meno edonistici e più relazionali, soprattutto in America. Infine la scoperta delle MST hanno portato a cambiamenti delle condotte sessuali e molti soggetti si sono resi conto di non riuscire a riacquisire il controllo degli impulsi sessuali portando in consultazione una sorta di dipendenza dal comportamento sessuale

Alcune considerazioni etimologiche
Dipendere significa “pendere da”. I nuovi filoni di studi si contrappongono alle differenze sempre esistite fra dipendenza fisica e psicologica inserendole all’interno del costrutto “dipendenza” ossia di quei comportamenti dipendenti in cui l’oggetto di studio non è più la sostanza ma la tendenza di base che i soggetti hanno in comune.
L’etimologia della parola addiction deriva dal latino “addictio” ed era la condizione di coloro che per debito diventavano schiavi dei loro creditori. Una traduzione inglese appropriata è “dedizione” da prendere anche come etichetta diagnostica in quanto gli inglesi differenziano la dipendenza fisica definendola come dipendence, mentre col termine addiction intendono la dipendenza psicologica da sostanza o altro. Attraverso l’uso del termine “addiction” si tende a superare la distinzione fra dipendenze da droghe o dal gioco d’azzardo o allo shopping. In altro senso, alcuni autori affermano che nelle dipendenze senza sostanza non è presente la sindrome di neuroadattamento che comprende i sintomi di tolleranza e di astinenza.

D’altra parte ci sono alcune sostanze che non sembrano produrre tolleranza e astinenza, quindi, forse siamo di fronte a un fatto quantitativo più che qualitativo. Dai nostri studi effettuati sulla popolazione italiana mediante la traduzione di un test diagnostico americano, il Sexual Addiction Screening Test o SAST (Scala di valutazione della dipendenza sessuale) e’emerso che il 6% circa dei soggetti maschi italiani è addicted ed è stato confermato che questi soggetti hanno anche alcune caratteristiche come disturbi del sonno, dell’umore, ansia di stato e di tratto alta. I tratti di personalita’ che li contraddisitinguono sono la tendenza all’ipercontrollo e alla depressione. Per quanto riguarda le donne italiane i primi dati delle ricerche italiane confermano in misura minore i dati americani e sembra che la percentuale delle donne addicted si aggiri intorno al 2-3 %. Sembra che, nelle donne, questa forma di dipendenza sessuale si manifesti attraverso forme piu’ passive di comportamento sessuale tipo attivita’ voyeuristiche e rapporti sessuali con persone sconosciute.

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 15/09/2013

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati