Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buona sera, oggi è venerdì 23 giugno 2017

Le ansie del corteggiamento

Seduzione: Le ansie del corteggiamento

Seduzione: Flirtare e corteggiare può essere molto stimolante, ma suscita anche ansia e paure. Vediamo quelle più comuni.

Quando qualcuno ci piace o siamo alla ricerca di una storia, non c’è altro modo di far pervenire le nostre intenzioni che esporci e mostrarle, almeno in un certa misura.

Questa necessità rende però l’interazione amorosa un terreno pieno di insidie e di trabocchetti e la consapevolezza di questo ci può far incorrere in situazioni spiacevoli e imbarazzanti. L’insicurezza, l’ansia o la paura della sofferenza possono indurci così a commettere gaffe, a perdere occasioni o a travisare i segnali dell’altro. Certe paure sono legate al proprio carattere, all’educazione ricevuta e alle esperienze precoci; altre prendono piede dopo cocenti delusioni sentimentali.

Inoltre, i timori aumentano quanto più la possibile relazioni è vissuta seriamente; se la prospettiva è un’avventura ciò che spaventa maggiormente è legato all’imbarazzo di essere ignorati o rifiutati. Se invece teniamo veramente a chi stiamo facendo la corte quello che ci intimorisce è molto più complesso: va dalla paura di soffrire, a quella di illudersi, di scegliere la persona sbagliata o di non essere all’altezza delle aspettative di quest’ultima, di perdere l’opportunità della propria vita e ad altre ancora. Legata alle delusioni è la paura di soffrire: scottati dalle relazioni precedenti, ci muove con estrema circospezione nel fare nuove conoscenze, si frenano i sentimenti e la loro manifestazione e si diffida di parole, gesti e reazioni dell’altro. Una delle paure più grandi è data anche dall’eventualità di essere rifiutati.

Chi è particolarmente sensibile a questo tipo di disapprovazione spesso da troppo valore agli atteggiamenti di stizza o di indifferenza dell’altro e minimizza i segnali di incoraggiamento. Alla base di questo modo di reagire c’è  di solito una bassa stima di sé e un’estrema importanza data alla figura e al ruolo dell’altro. Il rifiuto può avvenire a chiare lettere, ma più spesso viene espresso con espressioni facciali e altri segnali del corpo. Atteggiamenti non verbali come uno sguardo gelido, una voce dura o la rigidità del corpo possono venire allora percepiti come drammatici; l’innamorato alla ricerca di conferme e consenso vive questi segnali come catastrofici.

Talvolta, piuttosto che incappare in essi, chi prova questo sentimento avverte un senso di paralisi di fronte alla persona amata; al punto che questa inibizione gli impedisce di fare o dire alcunché lasci trapelare le sue intenzioni o le sue emozioni. Più comunemente l’idea del rifiuto porta a non comprendere il senso del comportamento dell’altro: così succede che segnali anche espliciti dell’altro come l’isolarsi dal gruppo o degli sguardi insistiti vengano equivocati o risultano “misteriosi”. Un altro timore tipico nel flirtare è dato dall’idea di cadere nel ridicolo: in questo caso, la paura non è tanto di fare una figura barbina agli occhi della persona da cui siamo attratti, ma di fronte al gruppo (talvolta anche se questo è composto da sconosciuti).

Affine a questo assillo è la preoccupazione di essere presi in giro:  si sospetta che l’altro si prenda gioco di noi, che le sue dichiarazioni e le sue azioni siano dettate dalla derisione e dallo scherno. Talvolta questo atteggiamento è provocato dalla percezione di ambiguità nella condotta dell’altro, ma più spesso deriva dalla propria insicurezza. Di tipo più adolescenziale è il timore della disapprovazione del gruppo riguardo alla persona prescelta. Questo pensiero condiziona anche chi risente molto del giudizio di uno dei genitori o di come la prende l’amico o l’amica del cuore. Dare una ricetta per superare tutte questi timori è piuttosto difficile, ma sicuramente fare più attenzione alle effettive reazioni dell’altro e cercare di arginare il peso di pregiudizi e preconcetti può aiutare.

pubblicità

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 19/04/2007

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati