Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buon giorno, oggi è giovedì 25 maggio 2017

La sessualità femminile: vero o falso

pubblicità

La sessualità femminile: vero o falso

Riti e bugie della sessualità femminile, che cosa è verità, e che cosa è mito?

Domanda Vero Falso
Fare l'amore fa bene alla salute?








Fa bene almeno per tre motivi biologici (oltre a quelli psicologici, ovviamente): vascolari, neuronali e ormonali. I vasi fanno una “ginnastica” che li mantiene elastici e liberi dall’arteriosclerosi, i nervi che conducono lo stimolo eccitatorio proliferano e il testosterone, l’ormone del desiderio, viene prodotto in maggior quantità. Molti ritengono, soprattutto tra i maschi, che si abbia un numero determinato di “cartucce” da sparare, finite le quali non ci sarebbe più la possibilità di fare l’amore. è vero il contrario: chi fa l’amore lo farà sempre più.
Anche le donne possono eiaculare durante l’orgasmo?



Almeno il 5% delle donne ha residui embrionali della prostata maschile in prossimità dell’uretra. Succede che queste donne emettano un liquido praticamente identico all’eiaculato maschile (ma senza spermatozoi, ovviamente) durante l’orgasmo. Molte donne che hanno l’”eiaculazione” femminile la scambiano per incontinenza urinaria e bloccano il riflesso orgasmico, temendo di far pipì proprio in quel momento.
La penetrazione profonda favorisce l’intensità dell’orgasmo? Per molte culture orientali, la penetrazione profonda è considerata un atto disdicevole.

Generalmente no. La parte più sensibile della vagina è il primo terzo. Ciò non toglie che la sensazione di riempimento dato dalla penetrazione profonda possa essere molto piacevole.
La capacità orgasmica femminile è quasi senza limiti?




Teoricamente sì. Alcune donne hanno il cosiddetto orgasmo multiplo. Sono cioè capaci di rientrare rapidamente nella fase di eccitazione subito dopo l’orgasmo. Questo dipende dal fatto che le donne non hanno un “periodo refrattario” esteso come i maschi. Per molti psicoanalisti l’illimitata capacità orgasmica femminile sarebbe alla base della misoginia e della repressione maschilista della sessualità delle donne.


Gli orgasmi femminili diventano meno intensi con l’età?


È vero, soprattutto per il diminuire del tono ormonale con l’età. La terapia sostitutiva con estrogeni rende questo effetto dell’invecchiamento praticamente trascurabile. È però anche vero che alcune donne scoprono l’orgasmo proprio in menopausa, quando si liberano dei rischi di concepimenti indesiderati. Altre subiscono positivamente l’effetto stimolante che i maggiori livelli di testosterone della terza età comporta.
L’orgasmo femminile favorisce il concepimento? Sì, anche se in minima parte. Durante l’orgasmo le contrazioni dell’utero “aspirano” il seme maschie, favorendo il viaggio degli spermatozoi verso l’ovocita. L’orgasmo femminile non è necessario alla riproduzione. Perché sia così nessuno lo sa. Le varie ipotesi della psicologia dell’evoluzione sono descritte nel libro “La Scienza dell’Amore” (Baldini & Castoldi).
Una buona lubrificazione garantisce orgasmi migliori Teoricamente una fase eccitatoria efficiente è un presupposto fondamentale per la risposta orgasmica Per alcune donne, soprattutto durante le cosiddette sveltine, l’orgasmo compare anche in presenza di scarsa lubrificazione.
Alcune medicine possono provocare l’orgasmo? L’industria farmaceutica non se ne è occupata ancora seriamente. Dati sperimentali indicano però che l’ormone della neuroipofisi ossitocina svolge un ruolo fondamentale nella risposta orgasmica. Potrebbe essere un ottimo farmaco per facilitare l’orgasmo. Il sildenafil (Viagra) agisce nelle donne sulla fase di lubrificazione e non sull’orgasmo. Tuttavia, favorendo l’aumento dell’apporto di sangue ai genitali, è in grado indirettamente di influenzare l’orgasmo.
L’orgasmo femminile è più intenso di quello maschile? Lo sa solo Tiresia, l’indovino cieco che fu donna prima di essere uomo. Prove di laboratorio indicano contrazioni pelviche più vigorose, segno di una maggiore intensità. Se anche fosse più intenso di quello maschile, è certamente più difficile da ottenere. Un maschio impiega in media 2 minuti per avere l’orgasmo, una donna 14

 

Giovanni Carrada, Emmanuele A. Jannini, La scienza dell'amore , Baldini & Castoldi, 1999

Cosa c'è di comune a tutti, uomini donne e animali, nel comportamento sessuale? Ci sono schemi di comportamento, "copioni" che si ripetono nel corteggiamento, nella seduzione, nel tradimento, nel sex appeal? La scienza moderna dice di sì. Scopo di questo libro è divulgare al grande pubblico queste scoperte e far comprendere come conoscere le "regole del gioco" sia importante per essere buoni amanti.

pubblicità

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 19/04/2007

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati