Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buon giorno, oggi è mercoledì 24 maggio 2017

Sex design: l'estetica del sesso non è più un tabù

pubblicità

Falli felici, sesso per uno

Elogio della masturbazione (I parte)

                                                                                                                                 Se Dio avesse voluto
che non ci masturbassimo,
ci avrebbe fatto le braccia
più corte.
George Carlin

Elogio della masturbazione

"Sono un ottimo amante perché mi esercito molto da solo", ha dichiarato Woody Allen. La masturbazione è la forma più spontanea di sessualità, la più semplice e la più naturale, e svolge un ruolo essenziale di sostituzione o di complemento. Considerata per millenni la madre di tutti i vizi, la masturbazione fatica a disfarsi della sua cattiva reputazione, nonostante sia oggi considerata dagli specialisti un’attività erotica al pari di qualsiasi altra. Pericolosa, scandalosa, è ancora considerata un tabù, anche se ai nostri giorni è diventato normale attribuirle una serie di virtù, per entrambi i sessi: per gli uomini che soffrono di eiaculazione precoce, la masturbazione consente di migliorare il problema grazie a particolari esercizi, per le donne è uno strumento elettivo per imparare a conoscere il proprio corpo e i suoi ritmi. In genere gli uomini non hanno problemi a riconoscere di essersi intensamente masturbati durante l’adolescenze, ma sono spesso più reticenti ad ammettere di continuare a masturbarsi anche in età adulta. E’ “normale” masturbarsi? Un pochino? Molto?

È vero che tutti si masturbano?
Forse non tutti, ma sicuramente una grande maggioranza degli uomini ha conosciuto questa attività in una fase della propria vita.

Come si fa a masturbarsi, esiste una tecnica particolare?
No, non esiste un metodo, ciascuno scopre il proprio. Spesso gli uomini stimolano il pene con la mano in un movimento ritmato di va-e-vieni.

Per un adulto, è normale masturbarsi?
È normale masturbarsi, ed è normale non farlo. Spesso si pensa che questa pratica sia appannaggio della giovinezza, ed è vero che la scoperta della sessualità ha luogo nell’adolescenza attraverso la masturbazione. Alcune persone provano il bisogno di masturbarsi in alcuni momenti della vita, per esempio quando sono single, altri proseguono questa pratica indipendentemente dalla condotta in parallelo di una soddisfacente vita sessuale a due; in questo caso la masturbazione non è un sostituto del coito, ma un’attività erotica a sé stante, importante per chi la pratica. Talvolta la masturbazione può non avere un ruolo di rimpiazzo; la sessualità di coppia è buona, ma uno dei partner ritiene che gli manchi un altro tipo di sessualità, nella quale non si debba fare attenzione a qualcun altro, ma dove ci si lascia andare al proprio ritmo, seguendo i vagabondaggi dell’immaginazione. Può capitare che le donne ne siano infastidite perché vorrebbero essere le sole depositarie della sessualità dell’altro. Per contro, esistono persone che non hanno mai fatto ricorso all’autoerotismo, e scoprono l’esperienza sessuale e il piacere nella relazione con l’altro.

La repressione della masturbazione
Fino a non molto tempo fa, il funzionamento del corpo veniva spiegato ancora come lo intendevano i Greci: il corpo umano contiene quattro liquidi - il sangue, il flegma, la bile gialla, e la bile nera. La salute è garantita quando questi quattro liquidi sono equilibrati in volume, e sono ciascuno al proprio posto. La malattia deriva invece dall’insufficienza o dall’eccesso di almeno uno di questi liquidi, o dalla sua stagnazione in una delle parti del corpo. Grazie a questa credenza, anche la masturbazione viene considerata pericolosa per la salute. Lo sperma dell’uomo e il liquido emesso dalle donne sono considerati prodotti del sangue ottenuti per elaborazione fisica e chimica, e un’eiaculazione equivale a una perdita di un quarto di litro di sangue. Queste credenze antiche, ancora vivaci nel Medio Evo, implicano che perdere troppo sperma corrisponde a perdere troppo sangue, quindi a debilitare l’organismo e a rischiare la malattia, quando non la morte. Ma il problema riguarda solo gli adulti, soprattutto quelli sposati. Si ritiene infatti che i giovani producano solo un liquido imperfetto, la cui emissione non può provocare grandi danni. Nei secoli XVIII e XIX, si concentrerà l’attenzione soprattutto sul dispendio “gratuito” di un’energia vitale il cui capitale complessivo è contato. Correre il rischio di ammalarsi è giustificato solo per una ragione imperiosa: avere un figlio. Non c’è scusa, perciò, per chi corre un rischio per la
semplice voglia di provare piacere. I medici affermano che la pratica masturbatoria è la cause di molte malattie inspiegate, le attribuiranno molte patologie nervose, malattie sessualmente trasmissibili come la sifilide, e perfino il cancro. Terrorizzando gli adolescenti, preconizzeranno dei metodi per costringerli alla castità: indossare abbigliamento costrittivo durante la notte, che tiene le braccia serrate al corpo, ablazione o bruciatura del clitoride per le ragazze, apparecchi per bloccare le erezioni notturne dei ragazzi. La violenza e gli eccessi di questa lotta, in realtà terminata da poco, spiegano le idee negative che sopravvivono ancora oggi riguardo alla masturbazione.

Bibliografia:
David M. Friedman
A mind of its own
Penguin Books, 2001


NAVIGA
- Falli felici: chi comanda qui? (I parte)
- Falli felici: chi comanda qui? (II parte)
- Falli felici: elogio della masturbazione (I parte)
- Falli felici: elogio della masturbazione (II parte)
- Falli felici: tutto il piacere per me
- Falli felici: tutta la verità sulle dimensioni
- Falli felici: lunghezza, larghezza, forma
- Falli felici: qualche piccolo consiglio pratico
- Falli felici: un secolo di sesso, le pietre miliari del 1900
- Falli felici: chi comanda qui? il mito del mandingo
- Falli felici: chi comanda qui? un pene da fare invidia (I parte)
- Falli felici: chi comanda qui? un pene da fare invidia (II parte)
- Falli felici: chi comanda qui? un pene da fare invidia (III parte)
- Falli felici: chi comanda qui? l'arma impropria (I parte)
- Falli felici: chi comanda qui? l'arma impropria (II parte)
- Falli felici: chi comanda qui? la ricetta della felicità
- Falli felici: chi comanda qui? il futuro del sesso
- Falli felici: disfunzioni sessuali, riguardano un adulto su tre

pubblicità

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 28/01/2008

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati