Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buon giorno, oggi è giovedì 25 maggio 2017

Tutta la verità sulle dimensioni

pubblicità

Falli felici, sesso per uno

Tutta la verità sulle dimensioni

Nessuno può farvi
sentire inferiori
senza il vostro
consenso.

Eleanor Roosevelt


"A letto contano di più le misure del sesso o quelle del cervello?", le chiese un giornalista qualche anno fa. Con una battuta impertinente, Sharon Stone rispose: "Senz'altro quelle del cervello, anche se a letto certe misure non disturbano". E' proprio vero che le cose stanno così? Quanto contano le dimensioni per la soddisfazione sessuale?

Carta, penna e righello: come si misura il pene. Di Alessandro Littara
Anzitutto, preoccupatevi di essere in un ambiente idoneo, nel quale la temperatura sia né troppo calda, né troppo fredda, e stimolate il pene manualmente, riscaldandolo. Rimanete quindi in piedi di fronte a uno specchio per controllare la vostra posizione e dotatevi di un righello rigido. Applicate il righello alla base del pene, là dove sono presenti i peli pubici, avendo cura di cominciare la misurazione dal punto in cui il pene fuoriesce dal pube. La misurazione deve essere fatta sia a riposo, sia in erezione. Nella misurazione a riposo occorrerà sorreggere il pene con la mano controlaterale, appoggiare il righello al punto di iniziazione del pene sulla faccia anteriore (quella che si guarda dall’alto) e prendere nota della misura all’apice del pene stesso. Questa misurazione dovrebbe essere ripetuta almeno altre tre volte per fare una media statistica dei risultati, visto che le dimensioni a riposo sono suscettibili di variazioni anche evidenti in funzione di varie condizioni quali la temperatura ambiente, l’ansia, e così via. La stessa misurazione deve essere eseguita con il pene in erezione, al massimo della rigidità. Anche in questo caso, applicate il righello alla base del pene spingendo delicatamente verso l’osso pubico, e prendete note della misura all’apice. Ripetete anche in questo caso più volte l’operazione, dato che il pene può essere più o meno rigido a seconda delle condizioni descritte sopra.

Status symbol?
Le statistiche sono irrilevanti. Ciò che conta è solo il gap tra se stessi e le immagini culturali. Noi ci misuriamo non in funzione di un ideale di salute, e in genere nemmeno (ma non sempre) in funzione degli altri, ma piuttosto rispetto a icone create dalla cultura, a fantasie fatte carne. Carne progettata per suscitare ammirazione, invidia, desiderio (…) Purtroppo, la bellezza della diversità non è esattamente il messaggio trasmesso dalle statistiche sul pene (…) Ma da dove ricavano, gli uomini, l’idea di come “dovrebbe” essere il loro pene? Alcuni dalla vista del pene paterno. Altri dai corpi dei compagni negli spogliatoi. Altri dai commenti di una partner. Ma molti, dai corpi delle icone della cultura: i superdotati dei video e delle riviste porno, reclutati proprio per la loro dotazione. Uno studio di Peter Lee mostra che i ragazzi, indipendentemente dalle loro reali misure, tendono sempre a sottovalutare la dimensione del proprio pene; secondo un’inchiesta di Glamour, patinato rotocalco americano, gli uomini preferirebbero essere bassi ma avere un pene di 16 centimetri (63%), piuttosto che essere alti e avere un pene molto più piccolo (36%). E infine, a sorpresa, secondo un’indagine dell’autorevole Psychology Today, le donne che si ritengono molto attraenti sono molto più attente alle misure del pene rispetto alle altre: il 64% delle intervistate considera molto importante o importante la circonferenza del pene, per il 54% è molto importante o importante la sua lunghezza. Dati che invece contano molto meno (-20%) per donne che, quanto a bellezza, si considerano nella norma. 

Per misurare la circonferenza del pene, dobbiamo invece dotarci di un metro flessibile. La misurazione deve essere condotta con le modalità già descritte sia a riposo, sia in erezione, applicando il metro un centimetro oltre l’inizio del pene e prendendo nota della misura ottenuta. Ripetete anche in questo caso più volte l’operazione e fate una media statistica. Di Alessandro Littara

L’impero del fallo
Nella notte dei tempi la divinità era femmina, poi venne la civiltà greca, e con essa l’invenzione dell’Olimpo e del dio Giove. Nasce così il patriarcato che dura ancora oggi, dominato dalla potenza fallica e dalla sua celebrazione nei riti sociali, nei costumi dei popoli e nell’arte; il trionfo del fallo attraverso i secoli. Trentamila anni prima di Cristo i dipinti nelle caverne iniziano a mostrare, accanto ai sessi femminili, i primi falli eretti: inizia così la compresenza, o meglio, la concorrenza tra i sessi, che vedrà quello maschile vincitore indiscusso per migliaia di anni a venire. Praticamente non c’è civiltà umana che non abbia celebrato il culto della fecondità attraverso la rappresentazione del fallo: dalle ceramiche peruviane alle stampe giapponesi, dagli avori e dai templi indiani ai trattati erotici cinesi, in tutto il mondo e in tutti i tempi il fallo è stato oggetto di venerazione, di pellegrinaggi, preghiere, celebrazioni, feste e offerte votive. E accanto alla rappresentazione c’è la valorizzazione: in certe tribù africane, ancora oggi gli uomini infilano il pene in un corno enorme per simulare misure inesistenti…


NAVIGA
- Falli felici: chi comanda qui? (I parte)
- Falli felici: chi comanda qui? (II parte)
- Falli felici: elogio della masturbazione (I parte)
- Falli felici: elogio della masturbazione (II parte)
- Falli felici: tutto il piacere per me
- Falli felici: tutta la verità sulle dimensioni
- Falli felici: lunghezza, larghezza, forma
- Falli felici: qualche piccolo consiglio pratico
- Falli felici: un secolo di sesso, le pietre miliari del 1900
- Falli felici: chi comanda qui? il mito del mandingo
- Falli felici: chi comanda qui? un pene da fare invidia (I parte)
- Falli felici: chi comanda qui? un pene da fare invidia (II parte)
- Falli felici: chi comanda qui? un pene da fare invidia (III parte)
- Falli felici: chi comanda qui? l'arma impropria (I parte)
- Falli felici: chi comanda qui? l'arma impropria (II parte)
- Falli felici: chi comanda qui? la ricetta della felicità
- Falli felici: chi comanda qui? il futuro del sesso
- Falli felici: disfunzioni sessuali, riguardano un adulto su tre

pubblicità

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 03/06/2008

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati