Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buona notte, oggi è sabato 24 giugno 2017

Eiaculazione precoce

pubblicità

Eiaculazione precoce

L’eiaculazione precoce è la più frequente disfunzione sessuale maschile, ma anche la più difficile da definire. Alcuni fanno riferimento al tempo che intercorre tra l’inizio del rapporto sessuale e l’eiaculazione, altri al numero di movimenti coitali, altri ancora alla soddisfazione della partner.

In realtà nessuna di queste definizioni prende in considerazione l’aspetto più importante che è quello del controllo volontario del riflesso eiaculatorio che manca negli uomini che soffrono di questo disturbo. La stimolazione sessuale, fisica e mentale, produce uno stato di eccitazione crescente che conduce all’orgasmo. Alcuni uomini riescono a mantenere la condizione di massima eccitazione posticipando in tal modo il momento eiaculatorio, negli altri l’eiaculazione avviene in maniera involontaria e senza possibilità di gestione. Spesso a questo si accompagna una  anestesia sessuale che priva l’uomo delle sensazioni piacevoli. Il soggetto  mette  in atto delle strategie per compensare questo disturbo: ricerca più rapporti consecutivi nel tentativo di avere orgasmi ritardati  nei momenti successivi ,  si concentra su pensieri che lo distraggono  dal piacere che sta provando, limita al minimo le stimolazioni genitali, riduce i tempi dei preliminari il tutto con il risultato di costruire un rapporto privo di ogni aspetto piacevole.  Questo a volte porta ad evitare il rapporto sessuale e frequentemente alla precocità si associa  un deficit erettile secondario all’ansia di prestazione.

Come in ogni disfunzione sessuale possiamo distinguere cause organiche e cause psicologiche. Le prime fanno riferimento a problemi urologici, come la brevità del frenulo del prepuzio, flogosi delle basse vie urinarie, uretriti, prostatiti, che possono, con l’irritazione da esse provocate, rendere più sensibili le strutture anatomiche coinvolte nel meccanismo eiacuatorio. Il diabete, l’arteriosclerosi, l’abuso di droghe, la sclerosi multipla e l’alcolismo , nonchè l’assunzione di alcuni farmaci, possono determinare in percentuali variabili l’eiaculazione precoce.

Ruolo dell' ansia nell'eiaculazione precoce
Mentre la causa immediata dell'eiaculazione precoce è specifica, le cause originarie e remote che sono responsabili dell'ansia provocata da un'intensa eccitazione sessuale e dalla creazione di un meccanismo di difesa percettiva contro questa stessa eccitazione, hanno contenuti molto diversi. La maggior parte dei pazienti rilevano ansia quando il piacere sessuale è prolungato e intenso, ma i motivi soggettivi sono diversi. Molti di loro si sono abituati a raggiungere l'orgasmo subito  a causa della fretta a cui erano costretti nelle loro esperienze sessuali giovanili. Altri, invece, soffrono di ansia legata alla prestazione sessuale e hanno paura di raggiungere l'orgasmo troppo presto e di perdere l'erezione, mentre altri ancora hanno sensi di ostilità contro la partner o si sentono poco rilassati con lei  Molti provano ansia per ogni sensazione di piacere: tendono per esempio a mangiare in fretta, allo stesso modo con cui si eccitano in fretta e non riescono a gustare il cibo proprio come non riescono a godere delle sensazioni sessuali. Fanno parte di quel gruppo che definito  “gli ipereccitati”, probabilmente la tipologia più frequente . Comunque, nella maggior parte di questi pazienti la qualità dell'ansia sessuale, indipendentemente dalla sua origine o dal suo contenuto, è di tipo blando e moderato e si lascia quindi estinguere facilmente. 

Sono state individuate  tre categorie di persone che richiedono aiuto per questo sintomo: uomini insicuri e ansiosi che hanno relazioni con donne piuttosto aggressive e castranti; uomini tesi a dimostrare la propria virilità a tutti i costi, in perenne competizione con altri uomini, preoccupati di una prestazione che ritengono insoddisfacente, e uomini giovani e inesperti che hanno i loro primi rapporti con coetanee.

Una particolare attenzione deve essere rivolta al tipo di rapporti che intercorrono all’interno della coppia. La mancanza di tranquillità con la partner, situazioni di stress e di conflitto molto alto o  che perdura da tempo, possono essere altre concause della manifestazione del sintomo. E’ necessario quindi esaminare i diversi aspetti che abbiamo citato precedentemente per arrivare a determinare l’origine della eiaculazione precoce. In questo senso è utile consultare un andrologo per accertare le eventuali cause organiche  e  un sessuologo per approfondire  i risvolti psicologici spesso collegati con questo tipo di disturbo.  La terapia sessuale è spesso la terapia elettiva per  le persone che soffrono di eiaculazione precoce.  Prevede una serie  di mansioni che la coppia  svolge nell’intimità della propria casa, che aiutano l’uomo a concentrarsi sulle sensazioni piacevoli che precedono l’orgasmo in modo da poterle riconoscere e gestire in un modo diverso. Tutto questo è preceduto da una analisi delle difficoltà che impediscono di vivere il rapporto in modo piacevole e dalle eventuali relazioni distruttive che si creano all’interno della coppia.

BIBLIOGRAFIA
Kaplan H.S., 1974,  Nuove terapie sessuali , Bompiani, Milano.

Pasini W. 1994, Intimità, Mondadori, Milano.

Pasini W., 1996, I tempi del cuore, Mondadori, Milano

Sheehy Gail 1998, Il maschio e le sue stagioni, Pratiche Editrice

Simonelli C., 1996, Diagnosi e trattamento delle disfunzioni sessuali, Franco Angeli Milano.

pubblicità

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 19/04/2007

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati