Duepiu.Net, vivere meglio in coppia, seduzione, speciali, costume

Duepiu.Net, vivere meglio in coppia

Google

Buon giorno, oggi è giovedì 25 maggio 2017

Il fattore fortuna

gli speciali di duepiu.net
 

pubblicità

» vai a:

» indice degli Speciali

Il fattore fortuna

Buone notizie per quella parte dell’umanità che si crede perseguitata dalla sfortuna. “Nella vita alcuni fra i fattori più determinanti derivano spesso da circostanze estremamente banali”, scrive Richard Wiseman, “e la fortuna non ha niente di fortuito. Il fattore fortuna ha il dono dell’ubiquità”. Quattro princìpi quattro per sorridere alla sorte e cambiare vita.

"La fortuna di avere talento non è sufficiente; bisogna avere anche il talento di avere fortuna"
Hector Berlioz

“I fortunati incontrano il partner ideale, realizzano le loro ambizioni, hanno un lavoro che li soddisfa, vivono un’esistenza interessante e spesso sono felici. Ma il loro successo non deriva da sforzi particolari: non hanno una capacità eccezionale di lavoro, e neppure un talento o un’intelligenza fuori dal comune. Si direbbe piuttosto che hanno il dono misterioso di trovarsi al posto giusto al momento giusto, e che sono più capaci di avvantaggiarsi delle buone occasioni rispetto ai comuni mortali.” Comincia così “The Luck Factor” del dr. Richard Wiseman, psicologo. Dieci anni di studi condotti su centinaia di persone “fortunate” e “sfortunate” sono la base dei quattro princìpi per accrescere quello che Wiseman chiama “il capitale-fortuna”, che forse non farà la nostra, ma di certo contribuirà alla sua: appena uscito, il libro è già stato pubblicato in Inghilterra, in Francia e negli Stati Uniti, dove si sta avviando a diventare un vero best-seller.

Inutile ignorarlo, scrive Wiseman, la fortuna svolge un ruolo fondamentale in moltissimi ambiti, e ha il potere di trasformare la nostra vita – “prospettiva che terrorizza moltissimi di noi, la maggior parte delle persone ama dirsi che ha in mano tutte le carte del proprio futuro. Ma questa impressione di essere padroni della situazione è in gran parte illusoria. La fortuna può cambiare tutto in un batter d’occhio. Ovunque, in qualunque momento, e senza il minimo avvertimento”.

fortuna: s. f. etimologia: Lat. fortu¯na(m), deriv. di fo°rs 'caso, sorte'

1
la sorte, buona o cattiva, di qualcuno o di qualcosa, che gli antichi personificavano nella dea Fortuna, distributrice a caso di felicità o sventura; destino: fortuna cieca; buona, cattiva fortuna; i capricci della fortuna | essere figlio della fortuna, essere particolarmente fortunato | leggere la fortuna, predire la sorte leggendo la mano, oppure facendo le carte | la Fortuna, una delle carte nel gioco dei tarocchi
2 buona sorte; occasione felice; cosa o persona che porta vantaggi: cercare, tentare la fortuna; aver fortuna negli affari, nel gioco; è stato la fortuna della sua famiglia | avere una fortuna sfacciata, essere fortunatissimo | la fortuna di un libro, di uno scrittore, il suo successo | portar fortuna, si dice di cosa o di persona a cui si attribuisce la facoltà di influenzare in senso favorevole l'andamento delle cose | colpo di fortuna, vincita, grosso guadagno, buon affare e sim., inaspettato o quasi fortuito | avere la fortuna di, essere fortunato relativamente a qualcosa: non ho avuto la fortuna di conoscerlo ' afferrare, pigliare la fortuna per i capelli, per il ciuffo, (fig.) non lasciarsi sfuggire la buona occasione | per fortuna, fortuna che... , per buona sorte. (fonte: Dizionario della Lingua Italiana, Garzanti)

fortunato: agg.
1 che ha fortuna, favorito dalla fortuna: uomo fortunato ' nelle presentazioni, come formula di cortesia: fortunato di conoscerla; fortunatissimo!
2 che riesce bene, che ha buon esito: impresa fortunata
3 che porta fortuna, che ha conseguenze buone: caso, giorno, incontro fortunato
(fonte: Dizionario della Lingua Italiana, Garzanti)

Per partecipare al sondaggio di Wiseman, i volontari dovevano dichiarare se si consideravano fortunati o sfortunati, cioè se “gli eventi, dovuti apparentemente al caso, avevano giocato in modo costante a loro favore o a loro sfavore”. Dopodiché, dovevano precisare se si ritenevano fortunati o sfortunati in otto ambiti precisi, tra i quali il lavoro, le relazioni private, la vita familiare, la salute e le finanze. Il risultato del sondaggio iniziale è stato il seguente: il 50% dei partecipanti si riteneva fortunato, il 14% sfortunato, e il 36% né fortunato, né sfortunato. “Dettaglio interessante, scrive Wiseman, “i soggetti che indicavano di essere fortunati in un certo ambito erano inclini a sostenere di essere fortunati anche negli altri. I fortunati in materia finanziaria si dichiaravano fortunati anche nella vita familiare, mentre gli sfortunati nella professione lo erano anche nella vita privata”. I risultati del sondaggio si sono rivelati notevolmente costanti: “alcuni soggetti sembravano capaci di attirare sempre la fortuna, mentre altri sempre la sfortuna. La maggior parte era convinta di dovere fortuna o sfortuna al semplice caso: improvvisamente, la vita dei fortunati era costellata di incontri – con persone care o con colleghi – che finivano sempre per portare qualcosa di positivo. Gli sfortunati invece attribuivano incidenti e malasorte solo al caso”.

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 »

torna indietro

segnala a un amico

inzio pagina

Pagina aggiornata al 11/05/2007

copyright © duepiu.net 2000-2017, tutti i diritti riservati